Skip to content

Tales of ordinary irony: Robert Rutoed

26 ottobre 2012

R. Rutoed, from the series “Right Time Right Place”

Come si fa a non amare Robert Rutoed? Come si fa a non snocciolare i suoi lavori uno dopo l’altro e poi da capo? Io non ci riesco.
La sua ironia a colori, questi color blocking reali e casuali, questa goffaggine quotidiana e spontanea sono qualcosa che accomuna la maggior parte dei fotografi che preferisco.
Guardando queste foto viene voglia di chiedersi “Dove sta portando gli aereo-palloncini la ragazza?”, “Perchè lo spazzino scopa via le foglie? Stanno così bene…”, “Chi ha messo i bambini in una navicella spaziale sotterranea?”, “L’anziana signora sarà afferrata dalla mano meccanica che un enorme bambino sta manovrando?”.

R. Rutoed, from series “Right Time Right Place”

R. Rutoed, from series “Right Time Right Place”

Quando la gente guarda questo tipo di immagini, a volte pensa che siano scene banali, che a nessuno importa vedere e che poi in fondo non è così difficile realizzarle.
È tutto falso: è la differenza tra vedere e guardare e chi fa quel tipo di critiche non capisce neppure questa frase.
Mi piace pensare che queste fotografie raccontino qualcosa su chi le scattate e mi fanno venire voglia di saperne di più e più ne osservo più la voglia aumenta, come un circolo. Come un bambino in un negozio di caramelle.

How can you not love Robert Rutoed? How do you not rattle off his works one after the other and then all over again? I cannot.
His irony in color, these real and random color blocking, this daily, spontaneous clumsiness are something that unites the most of photographers I prefer.
Looking at these pictures, you’d like to ask: “Where’s this lady taking the airplain-balloons?”, “Why does the sweeper sweep away the leaves? They’re so good together…”, “Who put those kids in a spaceship underground?” “The old lady will be seized by the mechanical hand controlled by a huge baby?”.

R. Rutoed, from series “Right Time Right Place”

R. Rutoed, from series “Right Time Right Place”


When people look at this kind of images, sometimes thought they’re stock scenes, that no one cares to see and then, after all, it’s not so hard to achieve them.
That’s all fake: it’s the difference between seeing and looking and who criticizes in that way, does not even understand this sentence.
I like to think that these pictures tell something about who shot them and make me want to learn more and the more I look the more the desire grows, like a circle. Like a kid in a candy store.

R. Rutoed, from series “Less Is More”

Advertisements

From → Penso

9 commenti
  1. Lo conoscevo già.
    È un’ironia sensibile e pungente che lascia sempre spazio alla fantasia, una fantasia sempre concreta però.
    Questo lasciarti sempre con i piedi per terra è la carta vincente Rutoed.

  2. Non sono per nulla banali, anzi, scovare nel quotidiano l’ironia delle situazioni é un talento e sncora di piú coglierla in uno scatto. Grazie, non conoscevo questo fotografo.

  3. Siete fan dell’ironia, ottimo! 😉

  4. lo stile è diverso, ma non so perchè mi ricorda erwitt, mago dell’ironia!

  5. Niko permalink

    Bello questo sito sulla fotografia! 🙂

  6. Io non lo conoscevo ed è stato bellissimo scoprirlo! Che ridere. 🙂

  7. E’ proprio nel fotografare il quotidiano che spesso si vede la bravura del fotografo: perché da un azione che a noi sembra “normale” lui riesce a cogliere quel particolare “inconsueto” che ci sfugge.

    P.S: la situazione della quinta foto la viva abbastanza spesso, con la scusa di “ma te sei bravo e sicuramente le scatti meglio, ci fai una foto con le nostre XDD?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: