Skip to content

E fu così che Fulvio salì al monte

8 giugno 2015
Photo by A. Corradi

Photo by A. Corradi

E così, in rovente pomeriggio domenicale di giugno, si è conclusa la mostra “Pastori dell’Alpe“, con l’intervento di Fulvio Bortolozzo sulle immagini e sul percorso – fisico e psicologico – che avviene perchè siano prodotte o, come direbbe lui, perchè siano “prese”.

And then, in a hot Sunday afternoon in June, the show “Pastori dell’Alpe” is ended, with the intervention of Fulvio Bortolozzo about pictures and the path – in sense physical and psychological – that happens because of they are produced or, as he would say, they are “taken”.
Fulvio ha parlato delle fotografia come esperienza, in particolare per quella di ritratto e di quanto questo elemento la differenzi dalle altre arti; ha parlato di quanto gli stati d’animo e le condizioni fisiche del fotografante influiscano su ciò che inquadra e quindi sul “bottino” di porzioni di realtà che porterà via con sé. Ha messo in luce così tanti aspetti della pratica fotografica che la curatrice, Roberta Bonazza, che è stata anche l’autrice di alcuni ritratti di pastori in mostra, si è sentita perfettamente capita e in qualche modo “spiegata”.
È stata davvero una collaborazione interessantissima, che ha coronato un lavoro espositivo enorme e ben organizzato.
Grazie ancora a tutti i presenti e a chi si è fermato, dopo, a chiacchierare e ascoltare il coro dei – bravissimi – bambini!

Fulvio talked about photography as experience, in particular the portrait genre and how much this element differs it from the other arts; he talked about how the moods and physical conditions of the photographer influence the framing and then the “spoils” of reality’s portions that he’ll take away with him. He has discussed so many aspects of photographic practice that the curator, Roberta Bonazza, who was also the author of several  shepherds portraits in the show, she felt perfectly understood and somehow “explained”.
It was a really interesting collaboration, which has crowned a huge and well organized work exhibition.
Thanks again to all those present and to those who stopped afterwards to chat and listen to the choir of the – very good – kids!

Photo by A. Corradi

Photo by A. Corradi

Advertisements

From → Penso

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: